Giovedì scorso, 19 settembre, abbiamo riavviato, dopo un periodo in cui abbiamo vissuto tanti momenti importanti, il percorso delle assemblee pomeridiane – una forma di dibattito sperimentata tra di noi qualche anno fa e che ha dato i suoi frutti.

Durante ogni incontro pomeridiano viene redatto, da qualche volontario di turno, un resoconto che poi viene inviato a tutte le lavoratrici e i lavoratori. Gli incontri hanno un tempo definito, dalle 16:10 alle 17:30.

La caratteristica fondamentale di queste assemblee è che ognuno può portare proprie proposte al dibattito, perché anche in questo momento particolare di vita di tutti noi (sia all’interno del nostro posto di lavoro che all’esterno) c’è bisogno di mettere a fattor comune le idee e le conoscenze, per una crescita collettiva.

Ci piacerebbe che nelle assemblee pomeridiane si sviluppi un dibattito sugli argomenti contingenti e sulle informazioni che inviamo tramite le ‘supposte’, in modo da individuare insieme gli argomenti oggetto delle prossime ‘supposte’.

Ecco il resoconto dell’assemblea di giovedì scorso,

L’assemblea ha discusso della nuova regola della Commissione Europea (prevista nel cosiddetto ‘two pack’) che ha modificato l’iter dell’approvazione delle leggi di stabilità (ex finanziarie) nella zona euro. In pratica gli Stati presentano la legge in Parlamento e ne mandano una copia alla Commissione UE, la quale se lo riterrà opportuno può chiedere (imporre) ai governi di effettuare delle modifiche.

Si è parlato del processo di spending review, che intanto non si è fermato. Crea allarme il nuovo decreto entrato in vigore il 1° settembre (“Disposizioni urgenti per il perseguimento di obiettivi di razionalizzazione nelle pubbliche amministrazioni”, inviato con la supposta n. 11 del 9 settembre). All’art. 3 si parla di possibili accordi tra le società controllate dalla pubblica amministrazione (senza il consenso del lavoratore) per attuare processi di mobilità interni alle diverse società, anche tra società collocate in regioni diverse. Inoltre si parla delle modalità di rilevazione delle eccedenze di personale, nel caso in cui l’incidenza delle spese di personale è pari o superiore al 50% delle spese correnti.

Stiamo anche aspettando la nomina del nuovo Commissario per la spending.

L’assemblea ha ripercorso il processo di riorganizzazione in atto in Aci, riguardo le società controllate e l’assetto organizzativo dell’Ente.

Si è discusso inoltre della riorganizzazione interna (Divisione Informatica) e delle problematiche connesse e rilevate dai lavoratori.

Infine si è parlato delle mobilitazioni dei sindacati di base e dei movimenti di lotta territoriali che sono già previste per i giorni 18 e 19 ottobre ed è stato dato l’annuncio che a breve si avvierà il processo di rinnovo RSU Aci Informatica.

L’assemblea si riconvocherà mediamente ogni 15 giorni, quindi il prossimo appuntamento è previsto per giovedì 3 ottobre alle ore 16:10.

 

L’assemblea delle lavoratrici e dei lavoratori di ACI Informatica del 19 Settembre

Pin It on Pinterest

Share This