E’ arrivato il momento dei pacchi…. finalmente siamo riusciti a definire anche tecnicamente come realizzare l’iniziativa di solidarietà sui pacchi di Natale.

Veniamo ai dettagli:

–       la consegna alle famiglie avverrà domani dalle 12 alle 13 all’ingresso del mercato laurentino lato via Sapori;

–       le lavoratrici ed i lavoratori che vorranno partecipare dovranno utilizzare dei permessi personali;

–       durante la consegna distribuiremo ai cittadini il volantino che alleghiamo.

Ringraziamo calorosamente tutte le lavoratrici ed i lavoratori che in qualsiasi forma stanno collaborando per la realizzazione dell’iniziativa.

 

La RSU

20 dicembre 2012

 

 Ecco il voalntino distribuito

LA LOTTA E’ SOLIDARIETA’

LA SOLIDARIETA’ E’ LOTTA

Da giovedì 6 dicembre le lavoratrici ed i lavoratori di Aci Informatica sono in lotta contro la propria Direzione aziendale a causa della disdetta unilaterale, da parte della stessa, degli accordi integrativi aziendali.

Innumerevoli sono le iniziative assunte in questi giorni (scioperi, assemblee, cortei interni e nel quartiere ecc.) e tutte contengono in sé l’elemento della solidarietà fra la classe lavoratrice.

E’ in uso da molti anni che nel periodo che precede le feste la direzione aziendale consegni dei pacchi natalizi ai dipendenti, dato lo stato di mobilitazione in atto abbiamo ritenuto fosse giusto utilizzare anche il contenuto dei pacchi natalizi per sostenere la lotta e farla conoscere alla città realizzando anche una iniziativa di solidarietà.

Per questo abbiamo deciso di consegnare pubblicamente a delle famiglie che ne necessitano il contenuto dei pacchi che abbiamo raccolto fra le lavoratrici ed i lavoratori: un piccolo gesto di solidarietà volto ad affermare un principio fondamentale quale l’unità fra gli sfruttati.
Avevamo pensato di realizzare questa iniziativa in sciopero ma nel frattempo le lotte hanno prodotto un primo grande risultato: il ritiro della disdetta degli accordi sindacali. Permane la volontà dell’azienda di scaricare sulle lavoratrici ed i lavoratori le difficoltà economiche della proprietà e pertanto permane lo stato di mobilitazione che entra però in una fase nuova. Per questo motivo l’iniziativa odierna la realizziamo in una forma diversa da quella che avevamo ipotizzato.

Infine vogliamo fornire alcuni elementi per far conoscere la realtà in cui lavoriamo.

Aci Informatica è un’azienda metalmeccanica di proprietà dell’ACI che si occupa, da sempre, della gestione dell’intero sistema informatico nonché delle infrastrutture tecnologiche di ACI: ad esempio cura tutto il sistema informatico del PRA (con il quale si effettuano tutte le visure, passaggi di proprietà, radiazioni ed in generale tutte le formalità legate ad un veicolo) nonché quello delle Tasse Automobilistiche. Ma anche l’informazione sulla mobilità, il sostegno ai disabili per le procedure di accesso ai servizi e altre attività di pubblica utilità.

Tutti servizi realizzati in economia per la Pubblica Amministrazione e senza costi per lo Stato (i servizi svolti si autofinanziano) e soprattutto con un costo medio per il cittadino di 20€ contro gli oltre 70€ che chiedono le agenzie private di pratiche automobilistiche.

Ma la più importante caratteristica di ACI Informatica sono le sue lavoratrici ed i suoi lavoratori che negli anni hanno sempre più sviluppato processi di autorganizzazione non delegando mai nessun soggetto esterno ed istituzionale, sindacati o partiti che siano, a rappresentarli. Questa forma di organizzazione ci ha consentito negli anni sia di migliorare le nostre condizioni di lavoro sia di respingere più volte gli attacchi governativi (da ultimo a luglio con 6 giorni consecutivi di presidio sotto il senato contro la spending review), sia soprattutto di maturare la coscienza e la consapevolezza che solo la lotta paga!

Le iniziative del management si inseriscono nello stesso progetto che a livello governativo cerca di scaricare sui più deboli il costo di una crisi generata dalla cupidigia di banchieri, politici e industriali.

Tagliare i salari, allungare gli orari di lavoro, licenziare: questo è il mantra con cui si cerca di terrorizzare le lavoratrici ed i lavoratori.

Ma noi non ci stiamo! Siamo intenzionati a lottare con determinazione e forza per tutelare le nostre condizioni di lavoro e di vita e con esse la continuità dei servizi pubblici contro le mire di chi vorrebbe appropriarsi dei beni pubblici per interessi privati.

UNITI NELLA LOTTA – SOLIDALI NELLA VITA!

Lavoratrici e lavoratori ACI Informatica

 

Pin It on Pinterest

Share This