Si è svolto ieri 18 marzo 2014 il previsto incontro con il Presidente dell’ACI ing. A. Sticchi Damiani e il Segretario Generale dell’ACI dott. A. Rozera assistiti dal responsabile delle relazioni sindacali di ACI Informatica F. L. Ventura.

In tale incontro ci è stato illustrato lo stato del confronto in atto fra l’ACI ed il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti relativamente al provvedimento di unificazione degli archivi previsto dalla legge di stabilità 2014.

In particolare ci è stato comunicato che si è svolta – dopo una prima fase di confronto con gli organi politici del Ministero ed in particolare con il Sottosegretario D’Angelis con il quale era stata avviata l’analisi delle proposte presentate dall’ACI – a seguito del recente cambio di governo, oggi vi è una fase di stasi che dovrebbe essere superata dall’imminente incontro fra il Presidente dell’ACI ed il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti On. M. Lupi.

In sede di incontro è stato anche sottolineato che nella recente relazione del Commissario alla Revisione della Spesa C. Cottarelli non è stato indicato alcun intervento in materia di riorganizzazione Motorizzazione/ACI e ciò perché si è evidenziato che da tale intervento non deriverebbe alcun risparmio né per lo Stato né per i cittadini.

Inoltre il Presidente Sticchi Damiani ha voluto comunicarci che le iniziative assunte dai lavoratori e dalle lavoratrici di ACI Informatica nelle ultime settimane sono state considerate inopportune dai vertici dell’ACI in quanto potevano essere considerate antitetiche al lavoro svolto dall’Amministrazione sul tema.

La RSU ha sottolineato che tali iniziative rispondono alla necessità delle lavoratrici e dei lavoratori di tutelare il proprio posto di lavoro (del resto l’esperienza del 2007 contro Bersani e del 2012 contro Monti hanno dimostrato l’efficacia di tali azioni) e di dare attuazione all’o.d.g. accolto dal Governo durante l’approvazione della legge di stabilità 2014 e che prevede l’impegno del Governo “a valutare l’opportunità di incontrare, nell’ambito della riorganizzazione delle strutture e società collegate conseguenti all’unificazione degli archivi, le rappresentanze sindacali e aziendali al fine di concordare il percorso di ridefinizione dei compiti e delle funzioni in modo da evitare che dall’applicazione della norma possano derivare licenziamenti di personale”. La RSU ha anche ribadito che il campo di intervento delle Rappresentanze Sindacali è distinto e parallelo ai tavoli politici e tecnici di confronto fra Amministrazione e Ministero.

In ogni caso la RSU di ACI Informatica ha costantemente ricercato un confronto continuo con l’Ente tanto che dopo l’incontro con il Vice Presidente ACI del 23/1 nel successivo comunicato abbiamo scritto “la RSU, nel riaffermare le posizioni definite in assemblea, ha chiesto che si mantenga un confronto costante con l’Ente” ma purtroppo nel successivo incontro svolto il 7/2 l’Amministrazione ha dichiarato la propria indisponibilità a mantenere questo rapporto tanto che nella successiva assemblea dell’11/2 è stata approvata una mozione nella quale fra l’altro era scritto”Nel corso degli incontri l’Ente ha ammesso che sono in corso confronti su tutti i tavoli che riguardano l’ACI (unificazione archivi e spending review) pur negando l’esistenza di un tavolo strutturato al riguardo, ma non fornendo risposte sul necessario coinvolgimento dei lavoratori nella trattativa che li riguarda……. Quindi da una parte c’è chi sta trattando sulla riorganizzazione dell’Ente – riorganizzazione che genererà delle conseguenze su tutti i lavoratori ACI e sulle Società Collegate – e dall’altra l’Ente stesso rifiuta di coinvolgere i lavoratori al riguardo.

Chiariti questi aspetti si è convenuto che già l’incontro svolto ieri ha superato tali differenze ed avviato quel necessario costante confronto fra l’Amministrazione e le rappresentanze dei lavoratori e pertanto c’è l’impegno dell’Ente a mantenerci costantemente informati sull’andamento del confronto con il Ministero.

La RSU valuta positivamente l’esito dell’incontro sia per il rinnovato confronto con l’Amministrazione ACI che per l’andamento di questa difficile partita fondamentale per il futuro delle lavoratrici e dei lavoratori di ACI Informatica, dell’ACI e delle altre società collegate.

La RSU conferma la necessità di mantenere la massima attenzione e vigilanza su tutte queste tematiche visto che ancora nulla è stato definito e gli stessi Presidente e Segretario Generale dell’ACI hanno sottolineato la delicatezza del momento e il costante rischio che in qualunque momento la situazione cambi radicalmente.

La mobilitazione continua alfine di tutelare i posti e le condizioni di lavoro: piccoli ma costanti passi sono necessari in questa complessa e lunga vertenza.

 

p.s. sul presidio di giovedì al Ministero potete trovare notizie e interviste al seguente indirizzo

http://clashcityworkers.org/lotte/interviste/1317-roma-continua-lotta-lavoratori-aci-informatica.html

 

La RSU

19 marzo 2014

 

Pin It on Pinterest

Share This