Si informano lavoratrici e lavoratori che ci è stato recapitato pochi minuti fa un comunicato a firma del VicePresidente ACI Informatica on. Bartolini in merito alla situazione di ACI e ACI Informatica.

Ci fa piacere inoltrare a tutte e tutti il comunicato in questione che per altro ci sembra nella sostanza confermare quanto da noi indicato nel comunicato inviato dopo l’incontro con lo stesso On. Bartolini (che alleghiamo).

Precisiamo soltanto due cose:

1)   Noi abbiamo inviato il comunicato solo dopo che lo stesso on. Bartolini ci aveva autorizzato a divulgare il contenuto dell’incontro. Ci dispiace se ciò può avergli creato dei problemi, è del resto parte del nostro agire sindacale rendere le lavoratrici ed i lavoratori partecipi delle informazioni che abbiamo, salvo che l’interlocutore non ci chieda di mantenerle riservate, in maniera di essere tutti consapevoli della realtà;

2)   Constatiamo che le volontà dell’on. Bartolini sono “I sacrifici, che nella situazione attuale non sono evitabili anche per i dipendenti ACI e ACI Informatica, vanno individuati e concordati evitando misure drastiche sui trattamenti contrattuali e sui livelli occupazionali e finalizzando gli stessi ad una politica dell’ACI e dell’ACI Informatica in grado di garantire a questi Enti ed al suo personale difesa e sviluppo”. Questa affermazione ci pare confermare che all’interno dell’Ente esistano invece forze che hanno la volontà di scaricare su lavoratrici e lavoratori gli effetti di una crisi di cui non sono minimamente responsabili; e pertanto non sono giustificabili interventi che possano produrre tagli e licenziamenti.

Concludiamo confermando la nostra disponibilità al confronto con qualsiasi interlocutore che, come noi, abbia a cuore l’interesse delle lavoratrici e dei lavoratori di ACI, di ACI Informatica e della federazione tutta alfine dello sviluppo della federazione stessa.

 

La RSU

6 novembre 2012

 

Incontro del 26 ottobre con il VicePresidente ACI Informatica On. Bartolini

 

Come anticipato nell’ultima Assemblea, la scorsa settimana la RSU di Aci Informatica ha avuto un contatto telefonico con l’On. Mario Andrea Bartolini (Presidente dell’AC di Terni e vicepresidente e membro del CdA di Aci Informatica nonché componente del Consiglio Generale dell’Aci), che ci ha chiesto di effettuare un incontro.

L’incontro è avvenuto a Terni venerdì scorso 26 ottobre. Ecco la cronaca dell’incontro.

L’On. Mario Andrea Bartolini ha affermato che, attualmente, non esisterebbe alcun piano industriale dell’Aci e che forse se ne comincerà a parlare nel Consiglio Generale di martedì 30 ottobre.

Per quanto riguarda Aci Informatica ha affermato che il reale progetto del Presidente De Vita consiste in un drastico taglio degli accordi sindacali, propedeutico ad una RIDUZIONE DEL PERSONALE.

Secondo lui l’Ente è in una difficile situazione che dovrà essere affrontata a partire dai rapporti tra centro e periferia. Sempre secondo lui, le strutture del centro (sia Aci centrale che “società collegate”) dovrebbero essere più vicine al territorio. In tale quadro ritiene che Aci Informatica (intesa come divisione informatica di Aci Informatica) stia svolgendo un lavoro utile al riguardo, al contrario (a suo dire) di quanto fatto da Aci Global, Aci Consult e Aci Rete.

L’On. Bartolini ci ha anche informato dell’andamento del CdA del 18 ottobre scorso. Secondo questa versione lui ha dichiarato la propria contrarietà alla riduzione del personale e ritiene la disdetta degli accordi integrativi aziendali un atto formale e non invece come nelle volontà del Presidente l’avvio di una politica di peggioramento delle condizioni di lavoro e tale posizione sarebbe stata condivisa dal resto del CdA (in particolare dal Presidente dell’AC di Pescara e in forma più morbida anche dal presidente dell’AC di Caserta). Secondo l’On Bartolini va prima sviluppato un progetto di rilancio dell’ente e della federazione e solo in funzione di questo va pensata la riorganizzazione delle risorse salvaguardando gli attuali livelli occupazionali.

Infine ci ha comunicato due intenzioni.

La prima è che questa mattina avrebbe incontrato, separatamente, il Segretario Generale Avv. Rozera e il Presidente Ing. Sticchi Damiani e che in tali incontri avrebbe sostenuto la nostra richiesta di incontro presentata il 22 ottobre scorso.

La seconda è che domani avrebbe partecipato al Consiglio Generale, dove avrebbe riportato le posizioni espresse nell’incontro che ha avuto con noi per sottoporle al confronto con gli altri membri del Consiglio Generale. La sua idea è di definire un progetto di rilancio dell’Ente, di cui sembra non solo lui senta la necessità, prima di affrontare eventuali interventi di riorganizzazione delle risorse del personale sia dell’Ente che delle Società Collegate. Pertanto all’interno del Consiglio Generale avrebbe anche manifestato la sua diversità di opinioni in merito alla iniziative assunte in ACI Informatica dalla Presidenza.

Naturalmente non diamo nessun giudizio di merito su quanto affermato dall’On. Bartolini, che ha espresso solo una posizione sull’attuale vertenza, mentre in ACI Informatica siamo messi davanti a fatti compiuti.

Tuttavia le dichiarazioni di Bartolini non fanno che confermare le nostre valutazioni circa la necessità di fermare il progetto che la Direzione di Aci Informatica ha avviato con la comunicazione ufficiale di disdetta di tutti gli accordi integrativi aziendali, sia per gli effetti diretti che questa produce su ognuno di noi, sia perché è premessa per successivi tagli. Vale a dire un progetto che elimina il nostro futuro.

Per fermare questo progetto è necessario, come abbiamo sempre detto, mantenere unità, compattezza e nervi saldi, unica garanzia per la nostra vittoria. La diffusione delle notizie, come questa cronaca dell’incontro con l’On Bartolini, è in questo senso secondo noi un tassello importante e necessario  affinché ci sia tra tutte e tutti noi un livello di conoscenza il più possibile condiviso.

Cogliamo l’occasione per ribadire che se a breve non ci verrà data risposta in merito alla richiesta di incontro con Presidente e Segretario Generale dell’ACI, assumeremo le necessarie iniziative.

 

La RSU

29 ottobre 2012

 

Pin It on Pinterest

Share This