AL FIANCO DEGLI STUDENTI AGGREDITI

AL FIANCO DEGLI STUDENTI AGGREDITI

Condividi su

A inizio marzo un ragazzo di 17 anni del liceo “Anco Marzio” di Ostia è stato aggredito sotto casa, picchiato e insultato al grido di negro di merda e altri epiteti razzisti. La sua “colpa” è quella di essere figlio di un padre italiano e una madre del Niger; la sua “colpa” è di vivere in un periodo storico in cui il potere fa della narrazione razzista il sistema di comando di una popolazione sempre più impoverita e per questo incattivita e rabbiosa.

Ma questa realtà non è ineluttabile e gli stessi compagni di scuola hanno organizzato una assemblea e indetto una manifestazione antifascista e antirazzista per sabato prossimo 6 aprile alle ore 15 a partire dalla Stazione Lido Centro di Ostia del trenino, in calce a questa mail il comunicato degli studenti.

E’ una manifestazione che oltre ad esprimere vicinanza al ragazzo aggredito vuole sottolineare che tante e tanti cittadini di questo paese rifiutano la violenza carogna e codarda contro i più deboli, i più indifesi, quelle e quelli da sempre alla mercé dell’oppressione padronale e della repressione di Stato.

Mentre la condizione di lavoratrici e lavoratori viene quasi quotidianamente penalizzata, mentre assistiamo a una crescita esponenziale dei morti e degli infortuni sul lavoro si tagliano di oltre 400 milioni di euro gli stanziamenti per la sicurezza sul lavoro, mentre gli istituti di statistica certificano una costante riduzione degli stipendi, mentre i servizi sociali e assistenziali sono sempre più scadenti e le prospettive segnalano una nuova fase recessiva con conseguente peggioramento delle nostre condizioni.

Mentre avviene tutto questo è del tutto evidente come i padroni – responsabili di questa situazione di miseria ma con l’obiettivo di mantenere ed aumentare le loro ricchezze –  abbiano necessità di trasformare la giusta rabbia  proletaria in rabbia meschina e codarda in cui ognuno se la prende con il suo simile: lavoratori privati contro lavoratori pubblici, lavoratori italiani contro lavoratori immigrati e così via per il godimento di chi ci sfrutta e ci calpesta.

Pensiamo che la manifestazione di sabato a Ostia sia un’occasione per affermare che non tutt@ ci lasciamo manipolare dalla propaganda razzista e classista, ci sono tante lavoratrici e tanti lavoratori che sanno che va alimentata l’unità fra gli sfruttati contro gli sfruttatori, per questo sabato saremo al corteo antifascista e antirazzista

STAZIONE LIDO CENTRO DEL TRENINO ROMA-LIDO SABATO 6 APRILE ORE 15

Di seguito il comunicato degli studenti dell’Anco Marzio:

All’inizio del mese di Marzo un ragazzo del nostro Liceo ha subito un’aggressione razzista. Quattro macchine con a bordo dodici ragazzi lo hanno accerchiato mentre, a tarda sera, portava fuori il cane insieme ad un’amica. Dopo diverse aggressioni verbali sono passati alla violenza fisica, causando danni tali da costringerlo a 20 giorni di prognosi. Come collettivi studenteschi, realtà associative, singoli cittadini, comitati di quartiere del territorio, non intendiamo stare a guardare: lanciamo una manifestazione antirazzista e antifascista per sabato 6 aprile, chiamiamo la città a reagire e a mobilitarsi! Questi gravissimi fatti non possono passare sotto silenzio, rappresentano le conseguenze materiali delle parole utilizzate e delle politiche irresponsabilmente attuate da chi ci governa per un proprio facile tornaconto elettorale: politiche che alimentano l’odio additando il diverso come male assoluto. Esprimiamo solidarietà a tutte le persone colpite da queste violenze e non intendiamo rimanere in silenzio dinanzi a un’azione di stampo fascista tanto nel metodo quanto nell’ideale razzista che porta avanti e vogliamo mobilitarci per contrastare in modo pacifico questo clima di terrore. Noi cittadini siamo fra quanti ad alta voce rivendicano il diritto di vivere il nostro territorio liberi dall’odio e dalla violenza gratuita. La sola esistenza non può essere un prezzo da pagare: lui è stato aggredito per il colore della pelle. Non ci stiamo.
Per questo dobbiamo lottare per una società diversa e migliore, più giusta. Occorre ritrovarsi, costruire, dare forza innanzitutto ad una mobilitazione decisa, corale e meticcia. Scendiamo in piazza Sabato 6 Aprile alle ore 15 dalla Stazione lido centro di Ostia! Studenti Anco Marzio


Lavoratrici e lavoratori Autorganizzati ACI Informatica

Condividi su