Commissione Bilancio Camera  Seduta 3 del 3 maggio 2017

Commissione Bilancio Camera Seduta 3 del 3 maggio 2017

Condividi su
CAMERA DEI DEPUTATI Mercoledì 3 maggio 2017 811. XVII LEGISLATURA
BOLLETTINO DELLE GIUNTE E DELLE COMMISSIONI PARLAMENTARI
Bilancio, tesoro e programmazione (V)
COMUNICATO

ATTI DEL GOVERNO

Mercoledì 3 maggio 2017. — Presidenza del presidente Francesco BOCCIA. – Interviene la sottosegretaria di Stato per l’economia e le finanze Paola De Micheli.

La seduta comincia alle 15.30.

Schema di decreto legislativo recante razionalizzazione dei processi di gestione dei dati di circolazione e di proprietà di autoveicoli, motoveicoli e rimorchi, finalizzata al rilascio di un documento unico.
Atto n. 392.
(Seguito dell’esame, ai sensi dell’articolo 143, comma 4, del Regolamento, e conclusione – Parere favorevole con condizioni).

  La Commissione prosegue l’esame dello schema di decreto legislativo in oggetto, rinviato, da ultimo, nella seduta del 19 aprile 2017.

Francesco BOCCIA, presidente, in sostituzione del relatore, formula la seguente proposta di parere:

  «La V Commissione bilancio, tesoro e programmazione,
esaminato lo schema di decreto legislativo recante razionalizzazione dei processi di gestione dei dati di circolazione e di proprietà di autoveicoli, motoveicoli e rimorchi, finalizzata al rilascio di un documento unico (atto n. 392),
premesso che l’articolo 8, comma 1, lettera d), della legge n. 124 del 2015, che conferisce al Governo una delega per la razionalizzazione dei processi di gestione dei dati di circolazione e di proprietà di autoveicoli, motoveicoli e rimorchi, prevede la realizzazione di un documento unico del veicolo contenente sia i dati tecnici sia quelli della proprietà, stabilendo un’unica modalità di archiviazione dei dati;
ritenuto che:
per garantire la piena interoperabilità dei sistemi informativi del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti con quelli del Pubblico registro automobilistico gestito dall’ACI, senza aggravio di oneri, sia necessario prevedere il riuso delle funzionalità applicative già realizzate dall’ACI nell’ambito dei processi di digitalizzazione delle formalità del pubblico registro automobilistico (PRA);
al fine di assicurare il mantenimento dell’autonomia finanziaria dell’ACI, consentendo allo stesso di far fronte tempestivamente a tutti i suoi oneri correnti, quali quelli concernenti la gestione del PRA e gli stipendi del personale, appare necessario precisare che il decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, di cui all’articolo 2, disciplini le modalità di attribuzione delle tariffe all’ACI e alla motorizzazione civile, assicurando l’assegnazione diretta delle relative risorse;
preso atto dei chiarimenti forniti dal Governo, da cui si evince che appare necessario riformulare più puntualmente la clausola di invarianza finanziaria di cui all’articolo 4, comma 2, al fine di specificare che dall’attuazione del provvedimento in oggetto non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica e che le amministrazioni pubbliche interessate provvedono all’attuazione del provvedimento medesimo con le risorse umane, strumentali e finanziarie disponibili a legislazione vigente;
esprime

PARERE FAVOREVOLE

con le seguenti condizioni:
1) Ai fini della razionalizzazione della spesa, sia assicurata la piena interoperabilità dei sistemi informativi del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti con quelli del Pubblico registro automobilistico attraverso il riuso delle funzionalità applicative già realizzate dall’ACI nell’ambito dei processi di digitalizzazione delle formalità del medesimo Pubblico registro automobilistico;
2) All’articolo 2, comma 2, dopo le parole: modalità di versamento aggiungere la seguente: diretto;
3) All’articolo 4, sostituire il comma 2 con il seguente: 2. Dall’attuazione del presente decreto non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica. Le amministrazioni pubbliche interessate provvedono all’attuazione delle disposizioni del presente decreto con le risorse umane, strumentali e finanziarie disponibili a legislazione vigente».

  La sottosegretaria Paola DE MICHELI concorda con la proposta di parere formulata dal relatore.

  La Commissione approva la proposta di parere del relatore.

 

Condividi su