Commissione Bilancio Senato Seduta 2 del 27 aprile 2017

Commissione Bilancio Senato Seduta 2 del 27 aprile 2017

Condividi su

Legislatura 17ª – 5ª Commissione permanente – Resoconto sommario n. 732 del 27/04/2017

BILANCIO    (5ª)     GIOVEDÌ 27 APRILE 2017     732ª Seduta

Presidenza del Presidente TONINI 

            Interviene il vice ministro dell’economia e delle finanze Morando.                                        

            La seduta inizia alle ore 9,05.

 ….

IN SEDE CONSULTIVA SU ATTI DEL GOVERNO 

Schema di decreto legislativo recante razionalizzazione dei processi di gestione dei dati di circolazione e di proprietà di autoveicoli, motoveicoli e rimorchi, finalizzata al rilascio di un documento unico (n. 392)

(Parere al Ministro per i rapporti con il Parlamento, ai sensi dell’articolo 8, commi 1, lettera d) e 5, della legge 7 agosto 2015, n. 124. Seguito e conclusione dell’esame. Parere non ostativo con presupposti e osservazioni)

             Prosegue l’esame sospeso nella seduta pomeridiana del 4 aprile.

 Il relatore DEL BARBA (PD) illustra una bozza di parere, pubblicata in allegato.

 Il vice ministro MORANDO ricorda che, non essendo stato quantificato nella legge delega il risparmio associabile all’unificazione dei registri automobilistici esistenti, il decreto legislativo non risulta censurabile sotto il profilo degli effetti di finanza pubblica, pur non essendovi garanzia che dei risparmi vengano effettivamente conseguiti.

 Il presidente TONINI ribadisce che il decreto legislativo rappresenta un’occasione persa di riformare, unificando, i processi di gestione dei dati di circolazione e di proprietà dei veicoli.

 La senatrice BULGARELLI (M5S) e il senatore MANDELLI (FI-PdL XVII) dichiarano l’astensione dei rispettivi Gruppi.

 Verificata la presenza del prescritto numero di senatori, la Commissione approva il parere illustrato.

 ….

La seduta termina alle ore 9,30.


PARERE APPROVATO DALLA COMMISSIONE SULL’ATTO DEL GOVERNO N. 392

 La Commissione programmazione economica, bilancio, esaminato lo schema di decreto in titolo, esprime, per quanto di propria competenza, parere non ostativo con i seguenti presupposti:

–          che l’accentramento su un unico soggetto (il MIT) della gestione del procedimento di rilascio del documento unico costituisca uno strumento di semplificazione amministrativa e possa realizzare risparmi per l’utenza attraverso l’introduzione di una tariffa unica che sarà determinata sulla base dei costi dei servizi e che comunque non potrà superare l’importo risultante dalla somma delle due tariffe attuali;

–          che l’importo dell’imposta di bollo unificato da applicare alla nuova formalità sia tale da garantire l’invarianza degli effetti finanziari previsti a legislazione vigente, senza impatto negativo sul bilancio pubblico;

 e con le seguenti osservazioni:

–          la soluzione adottata dallo schema di decreto non dà corso alle più incisive modalità attuative tra quelle prospettate dalla legge delega. Si limita infatti a disporre una nuova modalità organizzativa, funzionale al rilascio del documento unico, fondata sulla cooperazione tra le due Amministrazioni interessate (MIT e ACI) e sul conseguente mantenimento dei due rispettivi archivi;

–          la relazione tecnica, oltre a non recare una analisi della sostenibilità organizzativa ed economica della modalità di rilascio del documento unico, non provvede a quantificare gli eventuali risparmi derivanti dalla riduzione di costi organizzativi associata alla nuova procedura;

–          quanto alla nuova tariffa unica, l’articolato garantirebbe l’assenza di maggiori oneri per l’utenza ma non assicurerebbe l’ottenimento di quei “significativi risparmi” posti come obiettivo della riorganizzazione, al pari della riduzione dei costi di gestione dei dati, che pertanto costituirebbero una mera eventualità.

 

Condividi su