• Il primo febbraio entra in vigore in Francia la Legge Aubry (dal nome della Ministra del Lavoro e della Solidarietà del Governo francese che la vara) che riduce l’orario di lavoro da 39 a 35 ore con l’obiettivo di aumentare l’occupazione.
La legge prevede consistenti aiuti per le imprese che, tramite accordo sindacale, attuano la riforma.
La legge però è stata pesantemente contestata dalle imprese che hanno ottenuto cambiamenti radicali, dall’aumento delle ore di straordinario ammesse, alla forte diminuzione della maggiorazione per straordinario, alla possibilità di calcolare l’orario su base annua. Di fatto la legge è stata disinnescata.
Proprio per questo oggi è impossibile dire se la legge ha raggiunto gli obiettivi che si era posta, anche se fino alla modifica si dice abbia creato almeno 500mila posti di lavoro.

    .2000. la Legge Aubry sulle 35 Ore

    Il primo febbraio entra in vigore in Francia la Legge Aubry (dal nome della Ministra del Lavoro e della Solidarietà del Governo francese che la vara) che riduce l’orario di lavoro da 39 a 35 ore con l’obiettivo di aumentare l’occupazione. La legge prevede consistenti aiuti per le imprese che, tramite accordo sindacale, attuano la riforma. La legge però è stata pesantemente contestata dalle imprese che hanno ottenuto cambiamenti radicali, dall’aumento delle ore di straordinario ammesse, alla forte diminuzione della maggiorazione per straordinario, alla possibilità di calcolare l’orario su base annua. Di fatto la legge è stata disinnescata. Proprio per questo oggi è impossibile dire se la legge ha raggiunto gli obiettivi che si era posta, anche se fino alla modifica si dice abbia creato almeno 500mila posti di lavoro.

  • L’11 maggio inizia il processo Imi-Sir, che verrà considerato la più grande corruzione della storia italiana. O almeno di quella nota.
Nel 1982 il gruppo chimico SIR fallisce ma fa causa alla banca IMI (pubblica) per avergli negato un prestito. SIR vince la causa e ottiene mille miliardi di lire di risarcimento. Ma la sentenza è stata comprata con copiose mazzette dagli avvocati Cesare Previti, Attilio Pacifico e Giovanni Acampora e il giudice Vittorio Metta.
Dopo un processo durato anni, unificato a quello sul Lodo Mondadori che vedeva protagonisti gli stessi avvocati sempre per corruzione, la Cassazione ha condannato gli imputati a pochissimo carcere mai scontato per motivi di età.
Lungo gli anni del processo, Previti ormai eletto ha scampato il carcere perché le camere hanno sempre negato l’autorizzazione, rischiando durante la sua carriera politica di diventare anche Ministro di Grazia e Giustizia.
L’IMI poi è stata acquisita da Intesa Sanpaolo che, dopo la condanna, chiede i danni agli imputati. Ma i poveri Acampora e Metta risultano insolventi, nonostante i miliardi della mazzetta. E siccome hanno commesso reato nell’esercizio delle proprie funzioni i danni li pagherà lo stato. 173milioni di euro.

    .2000. il Caso IMI-SIR

    L’11 maggio inizia il processo Imi-Sir, che verrà considerato la più grande corruzione della storia italiana. O almeno di quella nota. Nel 1982 il gruppo chimico SIR fallisce ma fa causa alla banca IMI (pubblica) per avergli negato un prestito. SIR vince la causa e ottiene mille miliardi di lire di risarcimento. Ma la sentenza è stata comprata con copiose mazzette dagli avvocati Cesare Previti, Attilio Pacifico e Giovanni Acampora e il giudice Vittorio Metta. Dopo un processo durato anni, unificato a quello sul Lodo Mondadori che vedeva protagonisti gli stessi avvocati sempre per corruzione, la Cassazione ha condannato gli imputati a pochissimo carcere mai scontato per motivi di età. Lungo gli anni del processo, Previti ormai eletto ha scampato il carcere perché le camere hanno sempre negato l’autorizzazione, rischiando durante la sua carriera politica di diventare anche Ministro di Grazia e Giustizia. L’IMI poi è stata acquisita da Intesa Sanpaolo che, dopo la condanna, chiede i danni agli imputati. Ma i poveri Acampora e Metta risultano insolventi, nonostante i miliardi della mazzetta. E siccome hanno commesso reato nell’esercizio delle proprie funzioni i danni li pagherà lo stato. 173milioni di euro.

  • Il 28 luglio l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato scopre che le Assicurazioni hanno organizzato un cartello per aumentare i prezzi dell’assicurazione obbligatoria RC.
Il sistema realizzato dalle compagnie è talmente sofisticato da utilizzare messaggi criptati per non essere intercettati dalla autorità di controllo.
Nel 2002 il Consiglio di Stato emetterà una sentenza definitiva che condannerà 17 compagnie (SAI, GENERALI, HELVETIA, LLOYD ADRIATICO, AZZURRITALIA, MILANO, RAS, REALE MUTUA, ZURIGO, ALLIANZ SUBALPINA, ASSITALIA, TORO, UNIPOL, WINTHERTUR, AXA, FONDIARIA, GAN) a pagare una multa complessiva di oltre 600 miliardi di lire.
Secondo l’Istat, dal 1996 al 2001 le compagnie hanno aumentato il costo delle polizze dell’80,2%.
Evviva il Libero Mercato.

    .2000. Le Assicurazioni Truffano gli Automobilisti

    Il 28 luglio l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato scopre che le Assicurazioni hanno organizzato un cartello per aumentare i prezzi dell’assicurazione obbligatoria RC. Il sistema realizzato dalle compagnie è talmente sofisticato da utilizzare messaggi criptati per non essere intercettati dalla autorità di controllo. Nel 2002 il Consiglio di Stato emetterà una sentenza definitiva che condannerà 17 compagnie (SAI, GENERALI, HELVETIA, LLOYD ADRIATICO, AZZURRITALIA, MILANO, RAS, REALE MUTUA, ZURIGO, ALLIANZ SUBALPINA, ASSITALIA, TORO, UNIPOL, WINTHERTUR, AXA, FONDIARIA, GAN) a pagare una multa complessiva di oltre 600 miliardi di lire. Secondo l’Istat, dal 1996 al 2001 le compagnie hanno aumentato il costo delle polizze dell’80,2%. Evviva il Libero Mercato.

  • Dopo gli accordi di Oslo del 1993, che davano una flebile autonomia ai Palestinesi sotto occupazione Israeliana, estremisti israeliani scatenano un escalation di violenza:  un colono ebreo compie una strage in una moschea di Hebron avviando una successione di attentati; il Primo Ministro israeliano Rabin viene assassinato da un estremista religioso ebreo;  il suo successore Peres fa strage di civili palestinesi rifugiati in Libano; il suo successore Netanyahu aumenta gli insediamenti in Cisgiordania, la confisca di terreni e la demolizione di case palestinesi. Il tutto nonostante le condanne internazionali.
In questo clima, il 28 settembre 2000, il capo del Likud Ariel Sharon si fa accompagnare da centinaia di poliziotti israeliani in tenuta antisommossa sul Monte del Tempio nella Città Vecchia, considerato sacro per musulmani ed ebrei.
La rabbia dei Palestinesi esplode nella seconda Intifada, per la prima volta partecipata anche dagli arabi israeliani. Dopo tre giorni di scontro circoscritti a Gerusalemme, la polizia di Israele uccide diciotto israeliani arabi, causando l’allargamento della rivolta armata vera e propria nei Territori.
Le cifre della seconda intifada parlano di oltre 5mila morti tra i palestinesi e di mille morti tra gli israeliani.

    .2000. Sharon Passeggia sulla Vita dei Palestinesi

    Dopo gli accordi di Oslo del 1993, che davano una flebile autonomia ai Palestinesi sotto occupazione Israeliana, estremisti israeliani scatenano un escalation di violenza: un colono ebreo compie una strage in una moschea di Hebron avviando una successione di attentati; il Primo Ministro israeliano Rabin viene assassinato da un estremista religioso ebreo; il suo successore Peres fa strage di civili palestinesi rifugiati in Libano; il suo successore Netanyahu aumenta gli insediamenti in Cisgiordania, la confisca di terreni e la demolizione di case palestinesi. Il tutto nonostante le condanne internazionali. In questo clima, il 28 settembre 2000, il capo del Likud Ariel Sharon si fa accompagnare da centinaia di poliziotti israeliani in tenuta antisommossa sul Monte del Tempio nella Città Vecchia, considerato sacro per musulmani ed ebrei. La rabbia dei Palestinesi esplode nella seconda Intifada, per la prima volta partecipata anche dagli arabi israeliani. Dopo tre giorni di scontro circoscritti a Gerusalemme, la polizia di Israele uccide diciotto israeliani arabi, causando l’allargamento della rivolta armata vera e propria nei Territori. Le cifre della seconda intifada parlano di oltre 5mila morti tra i palestinesi e di mille morti tra gli israeliani.

  • Il 12 ottobre il cacciatorpediniere USS Cole, in rotta verso il Golfo Persico, riceve l’ordine di fare rifornimento nel porto di Aden nello Yemen.  La procedura è insolita (vengono generalmente riforniti in mare aperto) e il comandante della nave esprima sorpresa e preoccupazione: l’USS Cole era stato già rifornito e lo Yemen era una zona ostile. 
Mentre la nave attracca al porto un esplosione perfora il fianco della nave uccidendo 17 marinai e ferendone 50.
Ufficialmente due kamikaze in barca hanno compiuto un attentato suicida per conto di Osama Bin Laden ma alcune cose non quadreranno mai.
Bin Laden non rivendica l’attentato. Il capo delle indagini John O’Neill ipotizza il lancio di un missile da un sottomarino per la forma del buco, ma gli vietano d’immergersi per ispezionare i danni. I membri dell’equipaggio del Cole ricevono l’ordine di non parlare dell’attacco al NCIS. O’Neill  viene richiamato negli USA e gli viene impedito di proseguire le indagini. Si dimette dall’FBI e gli offrono l’incarico di capo della sicurezza alle torri gemelle a partire dall’11 settembre 2001. Disperso da due giorni il suo corpo sarà rinvenuto tra le macerie del WTC.

    .2000. Attentato in Yemen contro la USS Cole

    Il 12 ottobre il cacciatorpediniere USS Cole, in rotta verso il Golfo Persico, riceve l’ordine di fare rifornimento nel porto di Aden nello Yemen. La procedura è insolita (vengono generalmente riforniti in mare aperto) e il comandante della nave esprima sorpresa e preoccupazione: l’USS Cole era stato già rifornito e lo Yemen era una zona ostile. Mentre la nave attracca al porto un esplosione perfora il fianco della nave uccidendo 17 marinai e ferendone 50. Ufficialmente due kamikaze in barca hanno compiuto un attentato suicida per conto di Osama Bin Laden ma alcune cose non quadreranno mai. Bin Laden non rivendica l’attentato. Il capo delle indagini John O’Neill ipotizza il lancio di un missile da un sottomarino per la forma del buco, ma gli vietano d’immergersi per ispezionare i danni. I membri dell’equipaggio del Cole ricevono l’ordine di non parlare dell’attacco al NCIS. O’Neill viene richiamato negli USA e gli viene impedito di proseguire le indagini. Si dimette dall’FBI e gli offrono l’incarico di capo della sicurezza alle torri gemelle a partire dall’11 settembre 2001. Disperso da due giorni il suo corpo sarà rinvenuto tra le macerie del WTC.

  • Quando la Sun Microsystems decide nel 1999 di comprare StarDivision, proprietaria del software StarOffice alternativo a WordStar, vuole creare un’alternativa al prodotto Microsoft Office. 
Poco tempo dopo, il 13 ottobre 2000, la Sun decide di rilasciare i sorgenti alla comunità open source, per ottenere uno sviluppo più rapido e a costi più contenuti.
Nasce così il progetto OpenOffice.org il cui codice, libero, è alla base di StarOffice a partire dalla versione 6.0, con l’aggiunta di alcuni componenti proprietari.
Nel 2010 la suite diventerà Oracle Open Office per l’acquisizione di Sun Microsystems ad opera di Oracle Corp. Nell’aprile 2011 Oracle interromperà lo sviluppo della suite per trasformare il pacchetto OpenOffice.org in un progetto gestito interamente dalla comunità.

    .2000. Nasce Open Office

    Quando la Sun Microsystems decide nel 1999 di comprare StarDivision, proprietaria del software StarOffice alternativo a WordStar, vuole creare un’alternativa al prodotto Microsoft Office. Poco tempo dopo, il 13 ottobre 2000, la Sun decide di rilasciare i sorgenti alla comunità open source, per ottenere uno sviluppo più rapido e a costi più contenuti. Nasce così il progetto OpenOffice.org il cui codice, libero, è alla base di StarOffice a partire dalla versione 6.0, con l’aggiunta di alcuni componenti proprietari. Nel 2010 la suite diventerà Oracle Open Office per l’acquisizione di Sun Microsystems ad opera di Oracle Corp. Nell’aprile 2011 Oracle interromperà lo sviluppo della suite per trasformare il pacchetto OpenOffice.org in un progetto gestito interamente dalla comunità.

Correva l’anno 2000

Condividi su
Condividi su