• Alle cinque della sera di domenica 23 marzo 1980, i carabinieri si presentano direttamente nei principali stadi della Serie A per ammanettare alcuni tra i più famosi calciatori di Serie A. Accusati di truffa per aver truccato le partite accettando denaro, vengono coinvolti numerosi dirigenti e calciatori di squadre di serie A e B tra cui Lazio, Milan, Napoli, Perugia, Bologna e Avellino. Il calcio è ridotto in farsa.

    .1980. Calcioscommesse

    Alle cinque della sera di domenica 23 marzo 1980, i carabinieri si presentano direttamente nei principali stadi della Serie A per ammanettare alcuni tra i più famosi calciatori di Serie A. Accusati di truffa per aver truccato le partite accettando denaro, vengono coinvolti numerosi dirigenti e calciatori di squadre di serie A e B tra cui Lazio, Milan, Napoli, Perugia, Bologna e Avellino. Il calcio è ridotto in farsa.

  • Il primo ministro iraniano Mossadegh, democraticamente eletto, decide di nazionalizzare il petrolio. Gli USA non ci stanno e, per rappresaglia, lo depongono con un colpo di stato, coperti dallo scià Mohammad Reza Pahlavi. Quando la rivoluzione islamica caccia lo scià dal paese, questo trova rifugio negli USA.
La decisone degli USA di ospitare lo scià Pahlavi, cacciato dal paese perché reo di aver appoggiato il golpe in Iran della CIA, scatena proteste popolari. Viene assaltata l’ambasciata USA a Teheran e vengono catturati tutti i presenti. Il presidente USA Carter organizza allora un blitz che però si rivela un completo disastro: alcuni elicotteri non riuscirono a raggiungere la base operativa nel deserto iraniano e (a missione ormai annullata) un elicottero si schianta contro un aereo uccidendo otto soldati.

    .1980. Il Ridicolo Fallimento degli USA in Iran

    Il primo ministro iraniano Mossadegh, democraticamente eletto, decide di nazionalizzare il petrolio. Gli USA non ci stanno e, per rappresaglia, lo depongono con un colpo di stato, coperti dallo scià Mohammad Reza Pahlavi. Quando la rivoluzione islamica caccia lo scià dal paese, questo trova rifugio negli USA. La decisone degli USA di ospitare lo scià Pahlavi, cacciato dal paese perché reo di aver appoggiato il golpe in Iran della CIA, scatena proteste popolari. Viene assaltata l’ambasciata USA a Teheran e vengono catturati tutti i presenti. Il presidente USA Carter organizza allora un blitz che però si rivela un completo disastro: alcuni elicotteri non riuscirono a raggiungere la base operativa nel deserto iraniano e (a missione ormai annullata) un elicottero si schianta contro un aereo uccidendo otto soldati.

  • Venerdì 27 giugno 1980 un aereo di linea DC-9 della compagnia Itavia, diretto all'Aeroporto di Palermo, esplode in volo tra le isole tirreniche di Ustica e Ponza. Perdono la vita tutti gli 81 occupanti dell'aereo.
I ministeri della Difesa e dei Trasporti sono stati condannati sia perché l'aereo fu abbattuto durante una azione di guerra senza che nessuno intervenisse sia  perché l'Aeronautica Militare Italiana ha impedito l'accertamento dei fatti attraverso una innumerevole serie di atti illegali commessi successivamente al disastro.

    .1980. la Strage di Ustica

    Venerdì 27 giugno 1980 un aereo di linea DC-9 della compagnia Itavia, diretto all'Aeroporto di Palermo, esplode in volo tra le isole tirreniche di Ustica e Ponza. Perdono la vita tutti gli 81 occupanti dell'aereo. I ministeri della Difesa e dei Trasporti sono stati condannati sia perché l'aereo fu abbattuto durante una azione di guerra senza che nessuno intervenisse sia perché l'Aeronautica Militare Italiana ha impedito l'accertamento dei fatti attraverso una innumerevole serie di atti illegali commessi successivamente al disastro.

  • Il gruppo hard rock australiano AC/DC pubblica l'album Back in Black. Ad oggi il secondo album più venduto della storia della musica.

    .1980. Back In Black!

    Il gruppo hard rock australiano AC/DC pubblica l'album Back in Black. Ad oggi il secondo album più venduto della storia della musica.

  • 2 agosto 1980. Stazione di Bologna, ore 10.25: una bomba a tempo, contenuta in una valigia abbandonata, esplode nella sala d’aspetto della Seconda classe. Perdono la vita 85 persone. Oltre duecento i feriti. La sentenza definitiva giungerà solo nel 1995: il 23 novembre, la Corte di Cassazione  emette la condanna all'ergastolo, quali esecutori dell'attentato, per i neofascisti dei NAR Giuseppe Valerio Fioravanti e Francesca Mambro L'ex capo della P2 Licio Gelli, l'ex agente del SISMI Francesco Pazienza e gli ufficiali del servizio segreto militare Pietro Musumeci e Giuseppe Belmonte vengono condannati per il depistaggio delle indagini.

    .1980. Strage alla Stazione di Bologna

    2 agosto 1980. Stazione di Bologna, ore 10.25: una bomba a tempo, contenuta in una valigia abbandonata, esplode nella sala d’aspetto della Seconda classe. Perdono la vita 85 persone. Oltre duecento i feriti. La sentenza definitiva giungerà solo nel 1995: il 23 novembre, la Corte di Cassazione emette la condanna all'ergastolo, quali esecutori dell'attentato, per i neofascisti dei NAR Giuseppe Valerio Fioravanti e Francesca Mambro L'ex capo della P2 Licio Gelli, l'ex agente del SISMI Francesco Pazienza e gli ufficiali del servizio segreto militare Pietro Musumeci e Giuseppe Belmonte vengono condannati per il depistaggio delle indagini.

  • Dopo 35 giorni di fortissime mobilitazioni, causate dall’annuncio della Fiat di licenziamento per circa 15mila dipendenti, le OOSS svendono i lavoratori prendendo a pretesto una marcia organizzata dall’azienda e gonfiata ad arte dai mezzi di informazione. L’accordo firmato, bocciato da delegati e lavoratori, porterà i dipendenti Fiat dai 102mila del 1979 ai 55mila del 1984. Viene ancora oggi ricordato come l’accordo della vergogna, figlio della politica dei sacrifici voluta da Pci e OOSS.

    .1980. i 35 giorni in Fiat

    Dopo 35 giorni di fortissime mobilitazioni, causate dall’annuncio della Fiat di licenziamento per circa 15mila dipendenti, le OOSS svendono i lavoratori prendendo a pretesto una marcia organizzata dall’azienda e gonfiata ad arte dai mezzi di informazione. L’accordo firmato, bocciato da delegati e lavoratori, porterà i dipendenti Fiat dai 102mila del 1979 ai 55mila del 1984. Viene ancora oggi ricordato come l’accordo della vergogna, figlio della politica dei sacrifici voluta da Pci e OOSS.

  • Il 4 novembre il governatore repubblicano della California, Ronald Wilson Reagan, vince la corsa alla presidenza contro l’uscente James Earl (Jimmy) Carter Jr. La vittoria di Reagan determinò uno dei rarissimi casi in cui il presidente uscente non ottenne la riconferma.
Ex attore di cinema prestato alla politica, fu uno dei presidenti più reazionari degli Usa. Licenziò 11500 controllori di volo che erano in sciopero, sostituendoli con i militari.  Tagliò di 25 miliardi l’assistenza ai poveri. Si oppose alle sanzioni chieste dalla comunità internazionale contro l'Apartheid in Sudafrica. 
Durante il suo doppio mandato, il debito pubblico schizzò dai 780 miliardi di $ del 1980 ai quasi 10.000 miliardi di $ del 2009.

    .1980, Inizia l'era Reagan

    Il 4 novembre il governatore repubblicano della California, Ronald Wilson Reagan, vince la corsa alla presidenza contro l’uscente James Earl (Jimmy) Carter Jr. La vittoria di Reagan determinò uno dei rarissimi casi in cui il presidente uscente non ottenne la riconferma. Ex attore di cinema prestato alla politica, fu uno dei presidenti più reazionari degli Usa. Licenziò 11500 controllori di volo che erano in sciopero, sostituendoli con i militari. Tagliò di 25 miliardi l’assistenza ai poveri. Si oppose alle sanzioni chieste dalla comunità internazionale contro l'Apartheid in Sudafrica. Durante il suo doppio mandato, il debito pubblico schizzò dai 780 miliardi di $ del 1980 ai quasi 10.000 miliardi di $ del 2009.

  • Il terremoto dell'Irpinia del 1980 fu un sisma che si verificò il 23 novembre 1980 e che colpì la Campania centrale e la Basilicata centro-settentrionale.
Caratterizzato da una magnitudo del momento sismico di circa 6,9 gradi Richter e del X grado della scala Mercallicon epicentro tra i comuni di Teora, Castelnuovo di Conza, e Conza della Campania, causò circa 280.000 sfollati, 8.848 feriti e 2.914 morti.
l terremoto colpì alle 19:34 di domenica 23 novembre 1980: una forte scossa della durata di circa 90 secondi con un ipocentro di circa 30 km di profondità.

    .1980. Terremoto in Irpinia

    Il terremoto dell'Irpinia del 1980 fu un sisma che si verificò il 23 novembre 1980 e che colpì la Campania centrale e la Basilicata centro-settentrionale. Caratterizzato da una magnitudo del momento sismico di circa 6,9 gradi Richter e del X grado della scala Mercallicon epicentro tra i comuni di Teora, Castelnuovo di Conza, e Conza della Campania, causò circa 280.000 sfollati, 8.848 feriti e 2.914 morti. l terremoto colpì alle 19:34 di domenica 23 novembre 1980: una forte scossa della durata di circa 90 secondi con un ipocentro di circa 30 km di profondità.

  • Poche settimane dopo l'uscita del disco

    .1980. Ucciso a colpi di pistola il cantante e autore John Lennon

    Poche settimane dopo l'uscita del disco "Double Fantasy", la sera dell'8 dicembre 1980 alle 22.51, al termine di un pomeriggio trascorso al Record Plant Studio, mentre Lennon si accingeva a rincasare con la moglie e si trovava di fronte all'ingresso del Dakota Building (il lussuoso palazzo in cui risiedeva, sulla 72ª strada, nell'Upper West Side a New York), un venticinquenne di nome Mark Chapman esplose contro di lui cinque colpi di pistola colpendolo quattro volte (il quinto colpo non andò a segno) mentre esclamava: «Hey, Mr. Lennon». Uno dei proiettili trapassò l'aorta e Lennon fece in tempo a fare ancora qualche passo mormorando «I wasshot...» e cioè: Mi hanno sparato prima di cadere al suolo perdendo i sensi. Soccorso da una pattuglia di polizia, Lennon perse conoscenza durante la corsa verso il Roosevelt Hospital, dove fu dichiarato morto alle 23.07. « Non ho paura di morire, sono preparato alla morte perché non ci credo. Penso che sia solo scendere da un'auto per salire su un'altra. »(John Lennon, 1969)

  • La guerra in Afghanistan del 1979-1989, fu un conflitto intercorso tra il 24 dicembre 1979 e il 15 febbraio 1989 nel territorio dell'Afghanistan, e che vide contrapposte le forze armate della Repubblica Democratica dell'Afghanistan (RDA);il conflitto viene considerato parte della guerra fredda nonché prima fase della più ampia guerra civile afghana.
Il conflitto ebbe inizio con l'invasione del paese a opera delle forze dell'Armata Rossa sovietica, intenzionate a deporre il presidente della RDA HafizullahAmin per rimpiazzarlo con BabrakKarmal; La sera del 24 dicembre le forze sovietiche diedero il via all'invasione (operazione Štorm 333): mentre i primi reparti della 40ª Armata attraversarono il confine lungo il fiume AmuDarya, i paracadutisti sovietici della 103ª Divisione aviotrasportata della Guardia già stanziati a Bagram si impossessarono della base quasi senza combattere.
Dopo più di nove anni di guerra, che provocarono vaste distruzioni all'Afghanistan nonché ampie perdite di vite civili, l'intervento sovietico nel conflitto ebbe termine con una ritirata generale delle proprie truppe conclusa il 15 febbraio 1989, dopo la firma degli accordi di Ginevra tra RDA e Pakistan; gli scontri tra mujaheddin e truppe governative proseguirono poi nell'ambito della guerra civile afghana, fino alla caduta del governo della RDA nell'aprile del 1992.

    .1980. l'Armata Rossa in Afghanistan

    La guerra in Afghanistan del 1979-1989, fu un conflitto intercorso tra il 24 dicembre 1979 e il 15 febbraio 1989 nel territorio dell'Afghanistan, e che vide contrapposte le forze armate della Repubblica Democratica dell'Afghanistan (RDA);il conflitto viene considerato parte della guerra fredda nonché prima fase della più ampia guerra civile afghana. Il conflitto ebbe inizio con l'invasione del paese a opera delle forze dell'Armata Rossa sovietica, intenzionate a deporre il presidente della RDA HafizullahAmin per rimpiazzarlo con BabrakKarmal; La sera del 24 dicembre le forze sovietiche diedero il via all'invasione (operazione Štorm 333): mentre i primi reparti della 40ª Armata attraversarono il confine lungo il fiume AmuDarya, i paracadutisti sovietici della 103ª Divisione aviotrasportata della Guardia già stanziati a Bagram si impossessarono della base quasi senza combattere. Dopo più di nove anni di guerra, che provocarono vaste distruzioni all'Afghanistan nonché ampie perdite di vite civili, l'intervento sovietico nel conflitto ebbe termine con una ritirata generale delle proprie truppe conclusa il 15 febbraio 1989, dopo la firma degli accordi di Ginevra tra RDA e Pakistan; gli scontri tra mujaheddin e truppe governative proseguirono poi nell'ambito della guerra civile afghana, fino alla caduta del governo della RDA nell'aprile del 1992.

  • Esce il famoso romanzo di Umberto Eco, edito per la prima volta da Bompiani.
L'opera, ambientata sul finire dell'anno 1327, si presenta con un espediente letterario classico, quello del manoscritto ritrovato, opera, in questo caso, di un monaco di nome Adso da Melk, che, divenuto ormai anziano, decide di mettere su carta i fatti notevoli vissuti da novizio, molti decenni addietro, in compagnia del proprio maestro Guglielmo da Baskerville. La vicenda si svolge all'interno di un monastero benedettino dell'Italia Settentrionale, ed è suddivisa in sette giornate, scandite dai ritmi della vita monastica.
Il romanzo ha ottenuto un vasto successo di critica e di pubblico, vendendo oltre 50 milioni di copie in trent'anni e venendo tradotto in oltre 40 lingue. Le Monde l’ha inserito tra i 100 libri del secolo. Dal romanzo è stato tratto nel 1986 il film omonimo per la regia di Jean-Jacques Annaud, con Sean Connery nei panni di Guglielmo e Christian Slater nel ruolo di Adso.

    .1980. Il n0ome della rosa

    Esce il famoso romanzo di Umberto Eco, edito per la prima volta da Bompiani. L'opera, ambientata sul finire dell'anno 1327, si presenta con un espediente letterario classico, quello del manoscritto ritrovato, opera, in questo caso, di un monaco di nome Adso da Melk, che, divenuto ormai anziano, decide di mettere su carta i fatti notevoli vissuti da novizio, molti decenni addietro, in compagnia del proprio maestro Guglielmo da Baskerville. La vicenda si svolge all'interno di un monastero benedettino dell'Italia Settentrionale, ed è suddivisa in sette giornate, scandite dai ritmi della vita monastica. Il romanzo ha ottenuto un vasto successo di critica e di pubblico, vendendo oltre 50 milioni di copie in trent'anni e venendo tradotto in oltre 40 lingue. Le Monde l’ha inserito tra i 100 libri del secolo. Dal romanzo è stato tratto nel 1986 il film omonimo per la regia di Jean-Jacques Annaud, con Sean Connery nei panni di Guglielmo e Christian Slater nel ruolo di Adso.

Correva l’anno 1980

Condividi su
Condividi su