1976/1980: Come Eravamo

Condividi su

1976

Il primo accordo integrativo aziendale (all’epoca ci chiamavamo ancora SICREO) si caratterizzò soprattutto per la definizione dell’orario settimanale fissato in 36 ore, oltre a fissare i primi punti normativi in materia di organizzazione del lavoro (turni del CED, la maggiorazione per il lavoro notturno, l’indennità turno) e aumenti salariali (istituzione del premio annuo)

1977

Nuovo accordo che istituisce il diritto al servizio mensa o ad un’indennità sostitutiva e alcune forme di “controllo” dei lavoratori sull’organizzazione del lavoro (appalti, straordinari, assunzioni finalizzate a valorizzare la crescita tecnico professionale del personale interno)

1978

Regolamentati aspetti inerenti allo svolgimento dell’attività lavorativa del personale turnista (organizzazione dei turni di lavoro del CED con l’istituzione della notte, pausa di lavoro per i turnisti, aumento dell’indennità di turno

1979

Istituito il checkup aziendale per il 70% a carico dell’azienda

1980

Rivalutazione dei buoni pasto (quasi triplicato il loro valore e rivalutazione annua).
Secondo contratto integrativo aziendale dove, oltre a ridiscutere e migliorare aspetti già definiti dall’accordo precedente (informazioni e controllo sugli appalti, regolamentazione degli straordinari, crescita professionale interna, incremento dei permessi sindacali, del valore dei buoni pasto, del premio annuo e dell’indennità turni), istituisce nuovi istituti salariali (superminimo aziendale, l’anzianità di livello e l’indennità di rischio per il personale della sala macchine), viene concordata l’opportunità di studiare un sistema di flessibilità dell’orario (fu la premessa per un accordo nel 1981 che istituisce l’orario elastico), prevede alcuni passaggi di livello automatici per alcune qualifiche

Condividi su