ACI, PRA E MOTORIZZAZIONE: AGGIORNAMENTO SULLO STATO DELLA VERTENZA

ACI, PRA E MOTORIZZAZIONE: AGGIORNAMENTO SULLO STATO DELLA VERTENZA

Condividi su

L’altro ieri si è tenuto il preannunciato presidio al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, molto partecipato nonostante la giornata di pioggia, e alle 11:00 siamo stati ricevuti dal Capo Segreteria del Vice Ministro (Dott. Magnani) e dal responsabile della Motorizzazione (Arch. Vitelli), entrambi in rappresentanza del Vice Ministro Nencini, assente perché impegnato al Senato.

Nell’incontro ci è stato illustrato lo stato del confronto tra l’ACI ed il Vice Ministro. In particolare ci è stato detto che nell’incontro del 6 maggio il Vice Ministro si aspettava una nuova proposta dall’ACI, proposta che non è arrivata. A causa di ciò il Vice Ministro ha inviato una lettera alle OO.SS. della Funzione Pubblica per comunicare che attenderanno ancora questa settimana e dopo convocheranno comunque le OO.SS. stesse per presentare una propria proposta, impegnandosi a presentare tale progetto anche alla RSU di ACI Informatica.

In generale abbiamo registrato un clima di ostilità nei confronti di ACI, che pare in contraddizione con quanto ci è stato comunicato dai vertici ACI nell’incontro di venerdì scorso (vedi comunicato del 9/5/2014 che alleghiamo).

Per chiedere chiarimenti abbiamo contattato telefonicamente il Presidente Sticchi Damiani. Il Presidente si è detto sorpreso sia del fatto che il Vice Ministro attendesse una nuova proposta (ribadendo che l’ACI la propria proposta l’ha già fatta e non vede motivi di farne di nuove perché ritiene sia la più coerente con gli obiettivi del Governo, e per le esigenze dei cittadini e dei conti pubblici), sia dalla lettera inviata dal Vice Ministro alle OO.SS.

Inoltre, sempre nell’incontro del 13/5 al Ministero, ci è stato comunicato che stanno lavorando alla definizione di un progetto di riforma e solo dopo valuteranno l’impatto che questo progetto avrà su lavoratrici e lavoratori. Da ultimo, per quanto riguarda specificatamente ACI Informatica, ci è stato riferito che i loro doveri istituzionali sono rivolti ai lavoratori pubblici.

Infine il Dott. Magnani e l’Arch. Vitelli hanno voluto rimarcare la distinzione tra questo tavolo sull’unificazione degli archivi, nato sulla spinta della Legge di Stabilità, e le eventuali riforme realizzate nell’annunciato decreto “SforbiciaItalia” (dove si parla di accorpamento ACI, PRA e Motorizzazione), rispetto al quale ci hanno rinviato al Ministro per la Semplificazione e per la Pubblica Amministrazione On. Madia.

Pur in assenza di una proposta dettagliata e formalmente presentata dal Vice Ministro, la RSU di ACI Informatica ha elaborato un’analisi della proposta illustrata dal Vice Ministro Nencini sul quotidiano “La Repubblica” del 10/4/2014, analisi che evidenza maggiori costi per lo Stato e i cittadini e problemi occupazionali per migliaia di lavoratori del settore. Tale analisi è stata consegnata sia al Dott. Magnani  che al Dott. Vitelli dichiarando la nostra disponibilità al confronto nel merito.

Per opportuna conoscenza alleghiamo tale analisi ed un riassunto della stessa in questo comunicato.

Naturalmente alla luce di quanto emerso da questo incontro siamo fortemente preoccupati per il destino delle lavoratrici e dei lavoratori. Ieri mattina l’assemblea dei lavoratori e delle lavoratrici di ACI Informatica ha dato mandato alla RSU di richiedere un incontro al Ministro per la Semplificazione e per la Pubblica Amministrazione On. Madia, richiesta che abbiamo presentato ieri e che alleghiamo. Fermo restando la determinazione ad attivare tutte le forme di lotta che dovessero risultare necessarie per difendere la nostra condizione di lavoratori.

RIVOLUZIONE@ ?

Proprio in merito allo “SforbiciaItalia”, come tutti saprete il Governo ha messo a disposizione un indirizzo e-mail (rivoluzione@governo.it) per ricevere osservazioni. Al riguardo abbiamo letto tutti la lettera dei vertici dell’Ente al personale ACI (lettera inviata anche a lavoratrici e lavoratori di ACI Informatica).

Ovviamente ognuno ed ognuna sarà libero di decidere in autonomia al riguardo, sia per decidere se scrivere o meno sia per i contenuti da inviare. Tuttavia ci sembra importante, nel caso si voglia scrivere, mantenere un fattore comune a lavoratrici e lavoratori e in questo senso invitiamo ad allegare (come allegato vero e proprio ma anche inserendo nel corpo della mail il link al sito dove il documento è pubblicato, http://www.autorganizzati.org/wp2015/wp-content/uploads/2014/05/20140513_Analisi_Proposta_Nencini.pdf) la nostra analisi della proposta illustrata dal Vice Ministro Nencini sul quotidiano “La Repubblica” del 10/4/2014.

Allegato: sintesi della nostra analisi della proposta illustrata dal Vice Ministro Nencini sul quotidiano “La Repubblica” del 10/4/2014

 

 

15/05/2014

La RSU di ACI Informatica

 

 

Condividi su